Rarynoi logo

Lunedì, 26 Ottobre 2020 21:30

HABERE: SULLE ISOLE SICILIANE

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

 

Basato su una storia vera.



I vestiti di Rarynoi sono #MadeInPiemonte , è vero. Ma chi ha detto che non possono farsi una piccola vacanza fuori dal Piemonte? Possono eccome! 

Ecco la storia di Habere. Questo vestito lo conosci già. Hai sicuramente letto la sua ideologia ed hai intuito l’identità di questo vestito timeless. Ma aspetta, cosa significa timeless? Senza tempo. Si si, è ovvio. Ma vuoi sapere il vero significato? Timeless vuol dire eterno ma anche adatto. Adatto sempre. E’ quel sempre che per la prima volta non diventa noioso. 

 

 

vestito anni 50 italiano di viscosa fantasia

stile italiano siciliano vestiti lunghi viscosa

 

 

Torniamo all’identità di Habere:

Habere non haberi – Possedere e non essere posseduti

Ecco il motto di questo vestito. 

 

 

moda anni 50 e 40 salina sicilia

vestiti di viscosa anni 50 vista eolie

 

Habere in un modo o nell’altro ci trasmette l’importanza di tutto cio’ che non è materiale. Sta solo a te entrare nel merito fino in fondo oppure indossare questo vestito solamente perché ti piace lo stile. A te la scelta.

Siediti, bevi un buon caffè e... andiamo nelle Isole Eolie!

 


Salina. 

     Alcuni dicono che è un posto dove andare solamente in vacanza. Sai, per una settimana e poi basta, poi torni a casa, guardi le foto che hai scattato, sorridi due volte e poi dimentichi. Dimentichi pianificando un altro viaggio. Si, alcuni dicono proprio cosi. Ma non Habere. Lei è diversa. 

     Lei non viaggia per viaggiare. Lei viaggia con gli occhi sempre bene aperti e cerca di notare ogni particolare. Immagina che è persino riuscita a trovare un campo di ulivi in mezzo al nulla. Gli altri si sono fermati ad ammirare le piantine di capperi.

-Ehi, avete mai visto come si raccolgono i capperi? Guardate, questa è la piantina!

     Si ma lei ha alzato lo sguardo ed in quel momento ha notato un paesaggio da favola. Ha saltato il muretto ed ha iniziato a correre in mezzo agli ulivi.

-Cosa fai! Sei matta?

     Si un po lo era. Lo ammetteva anche ogni volta che qualcuno lo diceva. 

     Il paesaggio era veramente stupendo? Non lo so valuta tu. Per lei è stato un qualcosa di speciale. Saltando quel muretto come se fosse una bambina e si è teletrasportata in un posto diverso. Un ulivo dopo l’altro portava ad una chiesetta… Una chiesetta vista mare! Oh allora la perfezione esiste. Bisogna solo saperla cogliere. Saperla notare. Lei lo ha fatto. Lo fa ogni volta. Impazzisce.

-Ma ora basta! Tutto questo è bello, stupendo, chiamalo come vuoi! Andiamo a vedere Pollara!

     Ah già, non te l’ho detto: Pollara è il posto a Salina più amato da tutti i turisti. Ma a Habere di solito non piacciono le cose che piacciono a tutti. Sai, troppo spesso va contro corrente per il gusto di farlo. A volte semplicemente chiude gli occhi per non vedere la bellezza che notano tutti gli altri. Lei trova la sua bellezza, solo sua. Quella strana, unica, dimenticata da Dio e soprattutto dai turisti. Ma… ci è andata.

 

Pollara. 

     Dicono che da qui puoi vedere il tramonto che ti lascia senza parole. Dicono che da qui puoi vedere Stromboli colorato di arancione ogni volta che il sole tocca la punta del vulcano. Dicono che bisogna vedere per crederci.

     Habere è rimasta senza parole, ha visto il sole ed il vulcano unirsi. Habere è salita su un muretto anche questa volta ma non è successo nulla. Era rimasta nello stesso posto, non si è teletrasportata da nessuna parte. All’inizio pensava che il muretto fosse rotto. Dai, funzionava sempre! Funzionava ogni volta! Poi ha capito che era proprio questo il posto dove doveva trovarsi in quel preciso momento. 

-Il muretto funziona – ha detto.

-Cosa? Che muretto? – hanno chiesto.

-Niente, niente. Sono solo matta. – ha risposto senza togliere lo sguardo dal vulcano. 

 

 

salina e rarynoi vestito vintage stile italiano

rarynoi brand a pollara sicilia

 

Il viaggio di Habere è stato indimenticabile, credimi. Spero che tu abbia sentito il profumo del mare, il rumore delle onde... Possedere quello che non può essere posseduto. Proprio come un tramonto a Pollara. Proprio come il vento tra i capelli viaggiando per le strade di Salina. Proprio come il profumo di mare che senti pur non essendo sulla spiaggia.

Non essere posseduti. Eh, quello purtroppo (o per fortuna) dipende solo da te. Dalle decisioni che prendi o che non prenderai. Dalla paura che ti prenderà per mano o da quel maledetto coraggio in abbondanza. 

 

Con affetto,

Turista

Altro in questa categoria: IMPERA: MAR TIRRENO »

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.